Sostieni il nostro Progetto! Un piccolo contributo per realizzare grandi cose!

L’Associazione di promozione sociale “3punto1” per favorire la crescita culturale e artistica dei giovani e meno giovani presenti in territorio abruzzese, nonché per promuovere il talento che molto spesso non trova spazi idonei per essere espresso, anche quest’anno propone una manifestazione, denominata “TU SI’ CHE VALI” da svolgersi in due serate, precisamente il 25 ed il 26 Agosto 2017 in Piazza Garibaldi – Cupello (CH).

L’Associazione, fondata ufficialmente nel 2017 da coloro che nel corso del 2015 e 2016 hanno dato vita all’evento “TU SI’ CHE VALI” mediante altre collaborazioni, lavora essenzialmente all’interno del territorio per stimolare, far crescere e coinvolgere i ragazzi, i giovani ed i meno giovani nell’ambito artistico, dando loro la possibilità di esprimersi attraverso il palcoscenico.

Crediamo che questo tipo di eventi rappresentino una miniera preziosa in cui si trovano spunti per lo sviluppo di percorsi che aprono alla formazione dell’individuo, oltre che alla possibilità di identificarsi in una particolare area dell’essere.

La proposta di “3punto1” è quella di racchiudere le diverse discipline artistiche quali danza, recitazione, canto e qualsiasi altra forma di spettacolo ed intrattenimento, in un unico evento che possa concentrarsi esclusivamente sui concorrenti e le loro particolarità. Il progetto prevede l’esibizione, in base alla tipologia di concorrenti in gara, appositamente elaborata per l’occasione.

Si terranno, quindi, ad opera degli organizzatori, delle preselezioni che garantiranno accesso alla prima serata di 25/30 concorrenti, che saranno ulteriormente selezionati nel corso della prima serata, fino a comporre i 10/15 concorrenti finalisti e decretare nella serata finale il vincitore della terza edizione.

Si precisa che sia l’associazione stessa che l’evento, non hanno alcuna finalità lucrativa.

Aiutaci a raggiungere i nostri obiettivi!

Per donare clicca qui

Precedente La Giuria 2017 Successivo TSCV: Le origini